Vai al contenuto principale

Cos'è il test e il metodo di prova lacrimale di Elmendorf

Quando i vestiti sono indossati a lungo, a causa dell'attrito il filato si assottiglia, il tessuto all'interno del filato locale si rompe e si formano crepe, usato come uniformi militari, vele a sbuffo, paracadute, amache e altri tessuti, in uso più vulnerabili a il ruolo di carico concentrato, in modo che i prodotti vengano danneggiati localmente e si rompano, il tessuto viene agganciato dall'oggetto, oppure il tessuto viene trattenuto localmente, sotto l'azione di forze esterne in modo che il tessuto si lacera a metà, il tessuto è soggetto a tale Il fenomeno di essere strappato sotto l'azione del carico concentrato, solitamente chiamato strappo.

Test lacrimale di Elmendorf

La resistenza allo strappo del tessuto è un indicatore importante dei tessuti, la determinazione di questo indicatore utilizzando lo strumento chiamato tester dello strappo del tessuto, chiamato anche tester della resistenza allo strappo del tessuto di tipo Elmendorf (Elmendorf), il tester dello strappo del tessuto può essere utilizzato per una varietà di determinazione della resistenza allo strappo del tessuto.

Principio del test di strappo di Elmendorf

Si misura misurando il pendolo ad una certa altezza di partenza alla caduta, tutta l'energia potenziale in energia cinetica e poi attraverso la riduzione della sua energia potenziale convertita in opera utilizzata per strappare il provino di tessuto, e quindi secondo la lunghezza originaria di il campione di tessuto per calcolare la forza di strappo media. È anche chiamato resistenza allo strappo di Elmendorf.

Principio del test lacrimale di Elmendorf

 Metodo Elmendorf Tear Test (fare riferimento a ASTM D 1424)

Ambito

1.1 Questo metodo di prova viene utilizzato per determinare il valore di forza necessario per strappare un tessuto in un unico passaggio con un Elmendorf Tearing Tester o uno strumento del tipo a martello cadente.

1.2 Questo metodo di prova è applicabile alla maggior parte dei tessuti, compresi i tessuti intessuti, in pile a strati, in pile, per coperte e per airbag, a condizione che il tessuto non si strappi in una direzione che incrocia la direzione della forza applicata durante il test. I tessuti possono essere grezzi, sovradimensionati, spalmati, resinati o altrimenti trattati. Le precauzioni per testare i campioni con o senza bagnatura sono descritte rispettivamente in seguito.

1.3 Questo metodo di prova è adatto solo per le prove di direzione dell'ordito di tessuti a maglia in ordito. Non è adatto per la direzione del corso dei tessuti a maglia in ordito o per entrambe le direzioni della maggior parte degli altri tessuti a maglia.

1.4 Questo metodo di prova si basa principalmente su valori espressi in unità internazionali o unità consuetudinarie statunitensi, ma ciascuna delle due deve essere utilizzata separatamente. Le unità consuete statunitensi sono più appropriate.

1.5 Questo standard non affronta tutti i problemi di sicurezza. È responsabilità dell'utente di questo standard stabilire adeguate pratiche di sicurezza e salute e determinare l'applicabilità dei limiti normativi prima dell'uso.

Documenti di Riferimento

Standard ASTM:2

D 123 Terminologia relativa ai tessili

D 629 Metodi di prova per l'analisi quantitativa dei tessuti

D 1776 Pratica per il condizionamento e il test dei tessuti

Metodo di prova D 2261 per la resistenza allo strappo dei tessuti mediante la procedura della lingua (singolo strappo) (macchina per prove di trazione a velocità costante di estensione)

D 2904 Pratica per il test interlaboratorio di un metodo di test tessile che produce dati normalmente distribuiti

D 2906 Pratica per dichiarazioni su precisione e bias per i tessili3

D 4848 Terminologia relativa a forza, deformazione e proprietà correlate dei tessuti

D 4850 Terminologia relativa ai tessuti e ai metodi di prova dei tessuti

D 5587 Metodo di prova per la resistenza allo strappo dei tessuti mediante procedura trapezoidale

Terminologia

3.1 Per tutti i termini relativi a D13.59, Metodi di prova per tessuti, generale, fare riferimento alla terminologia D 4850.

3.2 Per tutti i termini relativi a forza, deformazione e relative proprietà dei tessuti, fare riferimento al termine D 4848.

3.2.1 I seguenti termini sono rilevanti per questo standard: direzione trasversale alla macchina, CD, lunghezza di strappo, direzione della macchina, MD, energia di strappo, forza di strappo, resistenza allo strappo, resistenza allo strappo e tessuto.

3.3 Per tutti gli altri termini relativi ai tessili, fare riferimento al termine D 123.

Panoramica del metodo di prova

Uno spazio è riservato centralmente nel provino tra i due morsetti, il provino viene strappato a una distanza fissa e la resistenza allo strappo è parzialmente contabilizzata nella lettura della scala dello strumento il risultato del test sarà calcolato da questa lettura e dalla capacità del pendolo.

Significato e Uso

5.1 Questo metodo di prova è un test di accettazione per la determinazione della resistenza allo strappo utilizzando un apparecchio a martello cadente per tessuti, ma si consiglia cautela, in quanto il tecnico potrebbe non ottenere buoni risultati su alcuni tessuti. Possono essere richieste prove comparative secondo le istruzioni in 5.1.1.

5.1.1 In caso di controversia sui diversi risultati dei test riportati durante il test di accettazione delle spedizioni commerciali utilizzando questo metodo di test, gli acquirenti e i fornitori dovrebbero eseguire test comparativi per determinare se esistono deviazioni statistiche tra i loro laboratori. Si raccomanda l'assistenza statistica per indagare sui bias. Come minimo, entrambe le parti dovrebbero prelevare una serie di campioni di prova il più omogenei possibile e questi campioni dovrebbero provenire da un lotto di tessuti del tipo pertinente. Questi campioni di test dovrebbero quindi essere assegnati in modo casuale a ciascun laboratorio in numero uguale per il test. I risultati medi dei due laboratori devono essere confrontati utilizzando un'analisi statistica appropriata e un livello di probabilità accettabile selezionato da entrambe le parti prima dell'inizio del test. Se vengono rilevate deviazioni, le loro cause devono essere trovate e corrette, oppure l'acquirente e il fornitore devono concordare di tenere conto delle deviazioni note nell'interpretazione dei futuri risultati dei test.

5.2 I sistemi a microprocessore per la raccolta automatizzata dei dati possono fornire risultati economici e affidabili se opportunamente calibrati. Vedere i metodi di prova D 2261 e D 5587.

Strumenti

6.1 Tester a martello cadente (tipo Elmendorf).

-Il tester è costituito da un morsetto fisso, un morsetto su un pendolo che può oscillare liberamente su cuscinetti, l'apposito dispositivo di livellamento, un dispositivo per mantenere il pendolo in posizione elevata, un dispositivo per il rilascio istantaneo del pendolo e un dispositivo per misurare la forza di strappare il campione.

elmendorf antistrappo

6.1.1 Un coltello può essere montato su un palo fisso per eseguire il taglio iniziale nel provino, centrato tra le attrezzature, e regolato in altezza in modo che la distanza di strappo sia 43.0 6 0.15 mm (1.69 6 0.005 in. Cioè, quando il bordo inferiore di un provino largo 63.0 mm (2.5 6 0.005 pollici) poggia contro la parte inferiore dell'attrezzatura, la distanza tra l'estremità del taglio con la lama e il bordo superiore del campione è 43.0 6 0.15 mm (1.69 6 0.005 pollici) .).

6.1.2 Quando il pendolo è nella sua posizione iniziale pronto per il test, la distanza tra i due morsetti è di 2.5 6 0.25 mm (0.1 6 0.01 pollici) ed è allineata in modo che il provino bloccato si trovi su un piano parallelo all'asse di il pendolo, che forma un angolo di 0.480 rad (27.5 6 0.5°) rispetto alla linea verticale che unisce l'asse e la linea orizzontale formata dal bordo superiore del morsetto. La distanza tra l'asse e il bordo superiore del morsetto è 1036 0.1 mm (4.055 6 0.004 in.). La superficie di serraggio di ciascuna ganascia è larga almeno 25 mm (1.0 pollici) e profonda 15.9 × 6 mm (0.1 × 0.625 pollici).

6.1.3 L'Elmendorf Tearing Tester può avere un puntatore montato sullo stesso asse del pendolo per registrare la forza di lacerazione, oppure può essere sostituito da altri metodi di calcolo e visualizzazione, come un display digitale e un sistema computerizzato. Sono preferiti i morsetti ad aria, ma sono consentiti anche i morsetti manuali.

6.1.4 Il tester della resistenza allo strappo del tessuto dovrebbe essere in grado di fornire intervalli intercambiabili di forza su vasta scala. Tipici intervalli di fondo scala sono mostrati nella Tabella A3.1.

Test lacrimale di Elmendorf

6.2 Pesi di calibrazione per calibrare il 50% dell'intervallo di forza a fondo scala o un altro metodo come descritto dal produttore dell'Elmendorf Tearing Tester.

6.3 Le fustelle possono avere la forma e le dimensioni mostrate nella Figura 1 (a) o (b). Entrambi i monconi possono fornire un campione rettangolare di base lungo 100 6 2 mm (4 6 0.05 pollici) e largo 63 6 0.15 mm (2.5 6 0.005 pollici), con tessuto aggiuntivo sul bordo superiore del campione per garantire che la parte inferiore del campione è strappato durante il test. La dimensione critica del provino è la distanza di 43.0 6 0.15 mm (1.696 0.005 pollici) da strappare durante la prova.

Test lacrimale di Elmendorf

Nota 1-Il modello di stampo modificato mostrato nella Figura 1(a) ha due nuove caratteristiche non presenti nel modello originale (Figura 1(b)), ovvero un ritaglio nella parte inferiore del campione per aiutare a centrare il campione nel dispositivo di fissaggio e (facoltativamente) una predisposizione per tagliare una fessura da 20.0 mm (0.75 pollici) prima di inserire il campione nel tester. Questi stampi possono essere ordinati.

6.4 Regolatore della pressione dell'aria, in grado di controllare la pressione dell'aria tra 410 kPa e 620 kPa (60 psi e 90 psi), ove applicabile, per il bloccaggio dell'aria.

6.5 Calibro di regolazione della lama di taglio, in grado di lasciare uno spazio di taglio di 43 6 0.15 mm (1.69 6 0.005 pollici) per provini larghi 63 6 0.15 mm (2.5 6 0.005 pollici) o equivalente.

6.6 Calibro della distanza tra le ganasce 2.5 6 0.25 mm (0.1 6 0.01 pollici) di larghezza o equivalente.

6.7 Olio, leggero, tipo orologio non gommato.

6.8 Grasso al silicone, se applicabile, per la lubrificazione delle fascette pneumatiche.

6.9 Aspirapolvere, se applicabile, per la pulizia di polvere e fibre dal sensore o equivalente.

Campionamento e campioni di prova

7.1 Campioni alla rinfusa - I campioni alla rinfusa per i test di accettazione devono essere selezionati casualmente dal numero di rotoli o pezzi di stoffa specificati nella specifica del materiale applicabile o in altro accordo tra l'acquirente e il venditore. Considera questi rotoli o pezzi di tessuto come l'unità di campionamento primaria. In assenza di tale accordo, il numero di rotoli o pezzi di stoffa è specificato nella Tabella 1.

Test lacrimale di Elmendorf

NOTA 2-L'acquirente e il venditore devono considerare la variabilità tra i campioni prelevati dal tessuto per fornire un piano di campionamento con rischio significativo del produttore, rischio del consumatore, livelli di qualità accettabili e livelli di qualità limitati.

7.2 Campione – da ciascun rotolo o pezzo di tessuto nel campione sfuso prelevare un pezzo del campione che si estende fino alla larghezza del tessuto e circa 1 metro (1 iarda) lungo la direzione della macchina. Per i rotoli di tessuto, l'involucro esterno del rotolo o l'involucro interno dell'anima del rotolo, il tessuto non deve essere utilizzato come campione di prova.

7.3 Campioni di prova – Prelevare 5 campioni da ciascuna unità di campionamento del laboratorio nella direzione della macchina e 5 campioni nella direzione della macchina per ciascuna delle condizioni di prova descritte in 9.1 e 9.2.

7.3.1 Direzione della prova – Considerare la direzione longitudinale del provino come direzione della prova.

7.3.2 Taglio dei provini – Assicurarsi che la dimensione più lunga del provino utilizzato per misurare la direzione della macchina sia parallela alla direzione della macchina. Utilizzare lo stampo di taglio descritto in 6.3 e illustrato nella Figura 1 (a) o (b), a seconda dei casi, per misurare i campioni nella direzione trasversale della macchina. Quando il provino deve essere testato bagnato, tagliare dall'area adiacente al provino asciutto. Etichettali per fare la distinzione.

7.3.2.1 Quando si tagliano campioni di tessuto, fare attenzione ad allineare i fili nella direzione corta parallela alla fustella in modo che quando si tagliano le fessure, si verifichi uno strappo successivo tra questi fili e non attraverso di essi. Questa precauzione è molto importante quando si testano tessuti ad arco.

7.3.2.2 Tagliare il campione più rappresentativo, preferibilmente lungo la diagonale del campione di laboratorio e non più vicino al bordo di un decimo della sua larghezza. Assicurarsi che il campione sia privo di grinze, pieghe o grinze. Evitare di versare olio, acqua, grasso, ecc. sul provino durante la manipolazione.

Preparazione dell'apparecchiatura e calibrazione

8.1 Selezionare l'intervallo di forza dello strumento di prova Elmendorf, in modo tale che lo strappo avvenga tra il 20 e l'80% o tra il 20 e il 60% dell'intervallo di fondo scala, a seconda dei casi.

NOTA 4—Per l'apparato di prova a strappo elmendor standard, la parte utilizzabile dell'intervallo di forza a fondo scala è compresa tra il 20 e l'80%. Per lo strumento di prova Elmendorf ad alta capacità, la parte utilizzabile dell'intervallo di forza a fondo scala è compresa tra il 20 e il 60 %.

8.2 Se dotato di un sensore di registrazione, esaminare la scala e il sensore complementare. Facendo attenzione e senza toccare il sensore, aspirare eventuali fibre sciolte e polvere.

8.3 Controllare l'affilatura, l'usura e l'allineamento centrale della fresa.

8.4 Per le pinze pneumatiche, impostare la pressione dell'aria della pinza a circa 550 kPa (80 psi).

8.4.1 La pressione di misurazione massima non deve superare 620 kPa (90 psi) e la pressione di misurazione minima non deve essere inferiore a 410 kPa (60 psi).

8.5 Quando si utilizza un sistema automatico di acquisizione dati a microprocessore, impostare i parametri appropriati secondo le istruzioni del produttore dell'Elmendorf Tearing Tester.

Condizionata

9.1 Condizione 1, Condizioni di prova standard.

9.1.1 Se non diversamente specificato nella specifica del materiale o nell'ordine del contratto, i campioni devono essere pretrattati per avvicinarsi all'equilibrio di umidità nell'atmosfera standard per il pretrattamento dei tessuti specificato in D 1776.

9.1.2 Dopo il pretrattamento, i campioni devono essere portati all'equilibrio di umidità nell'atmosfera standard specificata nella pratica D 1776 per le prove sui tessuti o, se applicabile, nell'atmosfera specifica in cui devono essere eseguite le prove, se non diversamente specificato nel materiale specifica o ordine di contratto.

9.2 Condizione 2, condizioni di prova su provino umido.

9.2.1 Se viene specificato un trattamento di sbozzima prima della prova a umido, deve essere utilizzato un trattamento di sbozzima che non influisca sulle normali proprietà fisiche del tessuto come specificato nel metodo di prova D 629.

9.2.2 Immergere il campione in un contenitore di acqua distillata o deionizzata a temperatura ambiente fino a completa immersione.

9.2.2.1 Il tempo di immersione deve essere sufficiente a bagnare il provino, come evidenziato dalla mancanza di cambiamenti significativi nella forza di strappo dopo un tempo di immersione più lungo. Per i tessuti che non si bagnano facilmente con l'acqua, come quelli trattati con materiali idrorepellenti o impermeabili, si può aggiungere al bagnomaria una soluzione allo 0.1% di bagnante non ionico.

Test lacrimale di Elmendorf Procedure

10.1 Testare provini condizionati in ambiente standard per testare tessuti, cioè 21 6 1°C (70 6 2°F) e 65 6 2% di umidità relativa se non diversamente specificato nelle specifiche del materiale o nell'ordine contrattuale.

10.2 Posizionare il pendolo nella posizione di partenza e il dispositivo di registrazione della forza nella posizione di forza zero.

10.3 Per i campioni tagliati dal tester:

10.3.1 Posizionare il lato lungo del campione centralmente nell'attrezzatura con il lato inferiore appoggiato con cura sul deflettore e il lato superiore parallelo alla parte superiore dell'attrezzatura. Chiudere il dispositivo e fissare il provino con approssimativamente la stessa tensione su entrambi i dispositivi. Il campione deve essere posizionato liberamente con la sua area superiore rivolta verso il pendolo per garantire un'azione di taglio.

10.3.2 Utilizzare la lama del coltello incorporata per tagliare una fessura di 20 mm (0.787 pollici) nel campione, estendendosi dal bordo inferiore, lasciando 43.0 × 6 mm (0.15 × 1.69 pollici) di tessuto da strappare.

10.4 Per campioni fustellati o tagliati a mano.

10.4.1 Se si utilizza uno stampo senza giunture, tagliare manualmente una giunzione lunga 20 mm (0.787 pollici) al centro di un bordo nella direzione longitudinale del provino. Assicurarsi che il resto del tessuto da strappare sia di 43 6 0.15 mm (1.69 6 0.005 pollici).

10.4.2 Posizionare il lato parallelo e privo di giunture del campione nel morsetto con il bordo inferiore accuratamente contro il fermo e il bordo superiore parallelo alla parte superiore del morsetto con la giunzione al centro del morsetto. Chiudere i morsetti e fissare il campione con approssimativamente la stessa tensione su entrambi i morsetti. Il campione deve essere posizionato liberamente con la sua area superiore rivolta verso il pendolo per garantire un'azione di taglio.

elmendorf antistrappo

10.5 Per prove su provini bagnati.

10.5.1 Rimuovere il campione dall'acqua e installarlo immediatamente sul tester di lacerazione con l'impostazione normale. Eseguire il test entro 2 minuti dalla rimozione del campione dall'acqua. In caso contrario, scartare il campione e sostituirlo con un altro campione.

10.6 Premere l'arresto del pendolo fino al limite e mantenerlo fino a quando lo strappo non è completo e il pendolo finisce di oscillare in avanti. Dopo il punto critico in cui il pendolo oscilla all'indietro, afferrare il pendolo e riportarlo nella posizione di partenza bloccata. Quando equipaggiato, fai attenzione a non disturbare la posizione del puntatore. Registrare la lettura della scala necessaria per strappare completamente il campione.

10.6.1 La decisione di abbandonare il risultato della lacerazione deve essere basata sulle osservazioni del provino durante la prova e sulla variabilità intrinseca del materiale. In assenza di altri criteri, come nelle specifiche del materiale, il valore può essere scartato e un altro campione testato se viene trovata una causa insolita.

10.6.2 Se il campione scivola nelle ganasce o se lo strappo devia dalla proiezione della giunzione originale di più di 6 mm (0.25 in.), la lettura ottenuta viene respinta. Notare il verificarsi di arricciature durante il test.

10.6.3 Per i sistemi a microprocessore, seguire le istruzioni del produttore del tester di resistenza allo strappo del tessuto per cancellare il valore dalla memoria quando si decide di eliminare un valore di strappo. Altrimenti, per alcuni strumenti di prova, il valore medio deve essere calcolato manualmente.

10.6.4 Se la lettura della scala non raggiunge il 20% o raggiunge più dell'80% dell'intervallo di fondo scala durante il test (60% se applicabile, vedere Tabella 3.1), passare all'intervallo di fondo scala immediatamente inferiore o superiore come adeguata. Vedere 8.6.)

10.6.5 Registrare se lo strappo attraversa la direzione normale (parallela) dello strappo e riportare il campione o i campioni (se applicabile) come non lacerabili.

10.7 Rimuovere il campione lacerato e continuare fino a quando non sono state registrate cinque lacerazioni per ciascuna direzione di prova e condizione di prova per ciascuna unità di campionamento del laboratorio.

calcoli

11.1 Forza di lacerazione, singoli campioni:

11.1.1 Strumento di prova standard: determinare lo strappo

forza per i singoli campioni all'1% più vicino dell'intervallo di fondo scala utilizzando l'Eq 1.

Ft= Rs * Cs/100

dove:

Ft = forza di strappo, cN (gf) o lbf,

Rs = lettura scala,

Cs = capacità a fondo scala, cN (gf) o lbf.

11.1.2 Strumento di prova per impieghi gravosi: determinare la forza di strappo per i singoli provini all'1% più vicino dell'intervallo di fondo scala utilizzando l'Eq 2.

Ft= Rs * 100

dove:

Ft = forza di strappo, cN (gf) o lbf, e

Rs = lettura della scala, cN (gf) o lbf.

11.2 Resistenza alla lacerazione: calcolare la resistenza alla lacerazione del tessuto come forza media alla lacerazione per ciascuna direzione di prova e condizione di prova dell'unità di campionamento del laboratorio e per il lotto, all'1% più vicino dell'intervallo di fondo scala in cN, (gf) o lbf .

11.3 Deviazione standard e coefficiente di variazione: calcolare quando richiesto.

11.4 Dati elaborati dal computer: quando i dati vengono elaborati automaticamente dal computer, i calcoli sono generalmente contenuti nel software associato. Registrare i valori letti dalla scala di lettura diretta al mN più vicino (gf). In ogni caso, si consiglia di verificare i dati elaborati dal computer rispetto ai valori delle proprietà noti e al software descritto nel rapporto.

Segnalazione

12.1 Segnalalo la resistenza allo strappo di Elmendorf è stato determinato in conformità al metodo di prova D 1424. Descrivere il tessuto o il prodotto campionato e il metodo di campionamento utilizzato.

Nota 6 – Alcuni strumenti per test di resistenza alla lacerazione Elmendorf possono richiedere un metodo di calcolo diverso rispetto alla percentuale proporzionale. In questi casi fare riferimento al metodo di calcolo consigliato dal produttore.

12.2 Riportare le seguenti informazioni per ciascuna unità di campionamento del laboratorio e lotto applicabile alla specifica del materiale o all'ordine del contratto.

12.2.1 Resistenza allo strappo di Elmendorf per ciascuna direzione di prova e condizione di prova, come richiesto.

12.2.2 Condizioni di prova (con o senza bagnatura).

12.2.3 Raggrinzimento, se si verifica durante la prova.

12.2.4 Il numero di test respinti a causa di lacerazione trasversale.

12.2.5 Quando calcolato, la deviazione standard o il coefficiente di variazione.

12.2.6 Per i dati elaborati al computer, indicare il programma (software) utilizzato.

12.2.7 La marca, il modello e la capacità del tester lacrimale Elmendorf.

12.2.8 Tipo di morse utilizzate, manuali o pneumatiche (compresa la pressione).

12.2.9 Qualsiasi modifica del metodo di prova Elmendorf.

 Precisione e bias

13.1 Riepilogo – Confrontando due medie, quando tutte le osservazioni sono effettuate dallo stesso operatore addestrato utilizzando la stessa attrezzatura e i campioni sono selezionati casualmente da campioni di tessuto, la varianza non deve superare i valori di precisione del singolo operatore mostrati nella Tabella 2 in 100 casi simili al medie nella tabella 2.

Test lacrimale di Elmendorf

13.2 Resistenza allo strappo Elmendorf, attrezzatura standard, dati dei test interlaboratorio – I test interlaboratorio sono stati condotti nel 1994-1995 con campioni di tre tessuti selezionati casualmente per i test in ciascuno degli 11 laboratori. Otto campioni di ciascun tessuto sono stati testati da due operatori in ciascun laboratorio utilizzando il metodo di prova D 1424. Quattro degli otto campioni sono stati testati in un giorno e quattro campioni sono stati testati il ​​giorno successivo. I dati sono stati analizzati utilizzando Practice D 2904 e Practice D 2906. I componenti della variazione nella resistenza allo strappo di Elmendorf espressi come deviazioni standard sono stati calcolati per i valori elencati nella Tabella 3. I tre tipi di tessuto sono

(1) Materiale 2-S/1016H, 2/1 cesto ad armatura a tela con filato.

(2) Materiale 4-S/0008H, foglio ad armatura semplice, con filato.

(3) Materiale 5-S/2438, tela, oxford, con filato.

Test lacrimale di Elmendorf

13.3 Precisione – Per le componenti di varianza riportate nella Tabella 3, una differenza sarà considerata significativa al livello di probabilità del 95% se le due medie dei valori osservati eguagliano o superano la differenza critica nella resistenza allo strappo “Elmendorf” elencata nella Tabella 2. Le differenze relative al tipo e alla costruzione del tessuto sono sufficientemente ampie da giustificare una presentazione separata delle componenti della varianza e delle differenze critiche. Pertanto, non sono stati eseguiti confronti multi-tessuto.

Nota 7: I valori di varianza critici elencati nella tabella devono essere considerati come un'affermazione generale, in particolare per quanto riguarda la precisione di laboratorio. Prima di poter fare una dichiarazione significativa per due laboratori specifici, deve essere determinata la quantità di deviazione statistica, se presente, tra di loro, con ogni confronto basato sui dati più recenti ottenuti da un lotto del tessuto valutato in modo da essere il più il più vicino possibile all'omogeneità e quindi assegnati in modo casuale a ciascun laboratorio in quantità uguali.

13.4 Bias – Il valore della resistenza allo strappo di Elmendorf può essere definito solo utilizzando il metodo di prova. All'interno di questa limitazione, il metodo di prova D 1424 non ha errori noti.

 

Per ulteriori informazioni sul prezzo o sul produttore del tester Elmendorf, è possibile contattare il consulente di vendita online TESTEX.

 

Questo post ha commenti 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Torna in alto
Apri chat