Vai al contenuto principale

Che cos'è il test sui tessuti? Come testare la qualità del tessuto tessile? – TESTEX

Cos'è il test sui tessuti?

Il test tessile si riferisce alla determinazione e valutazione del materiale, della struttura e delle proprietà dei tessuti mediante l'esperienza o strumenti di prova.

test tessili

Il test tessile è la valutazione di se

  • vari materiali tessili (cotone, lino, lana, seta, fibre sintetiche varie, fibre chimiche)
  • in diverse forme (fibre, filati, tessuti)
  • in diversi ambienti (temperatura, umidità, luce solare, pioggia, ecc.)
  • in diverse strutture (varie mescole, livelli di torsione, tessitura intrecciata, densità)
  • avere determinate proprietà desiderate (comfort, durata, sicurezza, funzionalità)

I test di qualità dei tessuti sono richiesti in istituti di test di terze parti, grandi fabbriche e strutture di ricerca e sviluppo. I test sui tessuti possono fornire un feedback corretto sulla struttura e sulle proprietà dei tessuti, come la solidità del colore, la resistenza all'umidità e la resistenza termica, ecc. In secondo luogo, i test sui tessuti possono anche guidare il tipo di tessuti da produrre in termini di domanda del mercato.

Qual è l'elemento di prova per i materiali tessili?

indumenti Capispalla, piumini, maglioni, magliette, gonne, ecc.
Varie materie prime Varie fibre naturali e artificiali, filati, ecc.
Test non tessuto Non tessuti meltblown, non tessuti spunlace, non tessuti spunbond, ecc.
Tessili per la casa Asciugamani, lenzuola, divani, tende, prodotti per l'igiene, ecc.
Tessuti tecnici Tessuti filtranti, geotessili, tessuti spalmati, ecc.
Altri test Analisi delle fibre tessili, marcatura delle etichette, ecc.

I test sui tessuti garantiscono che i tessuti siano conformi alle normative di sicurezza in evoluzione, soddisfacendo al contempo la crescente domanda dei consumatori di indumenti tessili di alta qualità. Inoltre, il test sui tessuti riduce al minimo i rischi e protegge gli interessi di marchi, rivenditori, fornitori e consumatori.

Norme e norme tecniche comuni per le prove sui tessuti

In quanto importante prodotto di consumo per l'uso quotidiano, la produzione e il commercio di tessuti e abbigliamento è sempre stata una preoccupazione per i governi e rappresenta una parte significativa del commercio mondiale di merci. Questa sezione prende come esempio le normative ISO e statunitensi e si concentra sui regolamenti tecnici di base e sui requisiti standard per il settore tessile e dell'abbigliamento per entrare nel mercato di riferimento, con l'obiettivo di aiutare le imprese ad acquisire una comprensione completa dei requisiti di accesso al mercato per il settore tessile e dell'abbigliamento in vari paesi.

1 Norma ISO per i tessuti

ISO/TC 38 Technical Committee on Textiles: Tra i comitati tecnici dell'organizzazione internazionale di standardizzazione ISO, quello responsabile per i tessili e l'abbigliamento è il Technical Committee on Textiles di ISO/TC 38. ISO/TC 38 regola i requisiti tecnici e la qualità di tessili e rimuove le barriere legate al commercio di tessili sviluppando standard internazionali per i tessili. Attualmente ISO/TC 38 svolge attività di standardizzazione nelle seguenti aree.

  • Standard per varie materie prime tessili, con relativi metodi di prova, terminologia e definizioni.
  • Norme per materie prime industriali, ausiliari e prodotti chimici utilizzati nella lavorazione e test nell'industria tessile.
  • Norme per i prodotti tessili.

Ci sono 8 Gruppi di Lavoro (WG) e 5 Comitati Sotto-Tecnici (SC) ai sensi del TC 38, vale a dire

  • TC 38/WG 9 Non tessuti
  • TC 38/WG 21 Corde, corde e reti
  • TC 38/WG 22 Composizione e prove chimiche
  • TC 38/WG 23 Test di resistenza antimicrobica
  • TC 38/WG 27 Proprietà di umidità dei tessuti
  • TC 38/WG 29 Test per la protezione dagli acari della polvere domestica
  • Test di biodegradabilità TC 38/WG 30
  • TC 38/WG 31 Materiali naturali nei tessuti
  • TC 38/SC 1 Test su tessuti colorati e coloranti
  • TC 38/SC 2 Prove di pulizia, finitura e resistenza all'acqua
  • TC 38/SC 20 Descrizioni dei tessuti
  • TC 38/SC 23 Fibre e filati
  • TC 38/SC 24 Atmosfere di condizionamento e prove fisiche per tessuti

2 Norma AATCC per i tessuti

Standard AATCC per i tessuti: nel 1921 è stata fondata l'American Association of Textile Chemists and Colorists (AATCC), un'associazione professionale internazionale senza scopo di lucro per le industrie di progettazione, lavorazione, materiali e test tessili.

L'AATCC ha 3 gruppi specializzati: applicazioni chimiche, concept 2 consumer (C2C) e materiale.

Applicazioni chimiche: Potenziare ed ampliare la base di conoscenze sull'applicazione delle sostanze chimiche (ausili per il pretrattamento, coloranti, finiture, polimeri, ecc.) ai materiali, con particolare attenzione allo studio delle tecniche, delle attrezzature, dei sistemi e dei processi utilizzati e al collaudo delle proprietà fisico/meccaniche dei materiali trattati.

Concetto 2 Consumatore (C2C): Migliorare ed espandere la visibilità dell'AATCC nei settori della vendita al dettaglio, del marketing e del design, ampliando così l'adesione e la partecipazione agli eventi AATCC e C2C.

Materiali: Migliorare e ampliare la base di conoscenze per lo sviluppo di materiali innovativi rilevanti per l'industria dei prodotti in fibra. Lo sviluppo avviene attraverso il miglioramento delle strutture esistenti o la creazione di nuovi componenti di sostanze. I nuovi materiali possono essere prodotti chimici (ausili per il pretrattamento, coloranti, finiture, polimeri, ecc.) o materiali strutturati fisicamente (fibre, tessuti, tappeti, non tessuti, ecc.).

L'AATCC è ben noto per i suoi metodi standard per testare tessuti tinti e trattati chimicamente, inclusi standard per proprietà biologiche, proprietà di solidità del colore, proprietà di tintura, procedure di valutazione, identificazione e analisi, gestione dell'umidità, prestazioni di lavanderia e lavaggio a secco, resistenza all'acqua e agli agenti atmosferici, prestazioni di lavorazione a umido e molti altri. Inoltre, ci sono sei metodi di prova AATCC relativi alla monografia, che possono essere trovati sul sito Web AATCC per dettagli e download.

3 Certificazione Oeko-TexStandard 100

L'Oeko-TexStandard 100 è attualmente l'etichetta ecologica tessile più autorevole e influente al mondo. È stato sviluppato nel 1992 dall'associazione tessile ambientale internazionale Oeko – Tex Association. Per l'acquirente di tessuti, l'etichetta Oeko-Tex sui tessuti significa che il prodotto ha superato un test di innocuità ed è quindi una base importante per l'acquisto di tessuti.

test tessili Oeko-TexStandard 100

I test Oeko-TexStandard 100 per le sostanze nocive si basano sull'uso del tessuto. Il principio è che più il tessuto viene a contatto con la pelle, maggiori sono i requisiti ecologici per il tessuto. Ci sono quattro categorie principali.

Prodotti di categoria I: Tessili e giocattoli tessili per neonati e bambini di età inferiore ai tre anni, come biancheria intima, maglioni, biancheria da letto, biancheria da letto, peluche, ecc.

Prodotti di categoria II: Tessili con gran parte della loro superficie a diretto contatto con la pelle umana durante l'uso, ad es. biancheria intima, biancheria da letto, camicie, ecc.

Prodotti di categoria III: Durante l'uso, la superficie del tessuto non viene a contatto con la pelle umana o solo una piccola parte di essa viene a contatto con la pelle umana, come top, cappotti, imbottiture, ecc.

Categoria IV: Utilizzato principalmente come tessuti decorativi come tovaglioli, tende, tappeti, ecc.

L'Oeko-Tex Standard 100 specifica i requisiti per l'uso dell'etichetta Oeko-Tex. I limiti per le sostanze nocive nei tessuti e la solidità del colore sono specificati nell'Appendice 4, che può essere trovata anche sul sito ufficiale di Oeko-Tex.

4 Normative tessili e di abbigliamento negli USA

Negli Stati Uniti, le normative che si occupano di tessuti e abbigliamento sono principalmente nel Code of Federal Regulations, o CFR. Di cui quelli che si occupano di tessili sono principalmente nei titoli 15 e 16, come segue:

  • La legge sull'identificazione dei prodotti tessili, 15 USC § 70
  • La legge sull'etichettatura dei prodotti in lana, 15 USC § 68
  • Legge sull'etichettatura dei prodotti in pelliccia, 15 USC § 69
  • Legge sui tessuti infiammabili, 16 CFR parte

I test sui tessuti devono essere basati su standard appropriati in modo da poter ridurre le differenze. Standard uniformi consentono alle parti di diversi paesi e campi di lavorare insieme in modo più stretto. Se desideri saperne di più sui test tessili, aggiungi TESTEX ai segnalibri e terremo aggiornate le nostre conoscenze tessili.

Articoli comuni e standard di prova per i test di qualità dei tessuti

Esistono molti elementi e standard per i test di qualità tessile, inclusi standard regionali, standard nazionali, standard di settore e standard aziendali. Questa sezione si concentra sugli elementi di test comuni e sugli standard di test.

test tessili

elementi di prova Contenuti di prova
Analisi delle fibre tessili Analisi della composizione della fibra, analisi del contenuto di fibre, contenuto di cotone e lino, contenuto di lana e cashmere.
Parametri della struttura del tessuto Larghezza del tessuto, spessore del tessuto, grammatura del tessuto, densità del tessuto, pendenza della trama, titolo del filo, ecc.
Proprietà fisico meccaniche Resistenza del filato singolo, resistenza alla rottura, resistenza allo strappo, resistenza allo scoppio, slittamento della cucitura, resistenza della cucitura, pilling e abrasione, resistenza alla spellatura, ecc.
solidità del colore Solidità del colore allo sfregamento, solidità del colore al lavaggio, solidità del colore al lavaggio a secco, solidità del colore al sudore, solidità del colore alla luce, ecc.
Stabilità dimensionale Ritiro del lavaggio, ritiro del lavaggio a secco, ritiro del calore secco, ritiro del vapore, ecc.
Proprietà funzionali Resistenza all'acqua, assorbimento d'acqua, assorbimento di umidità, traspirabilità, permeabilità all'umidità, colorazione dell'acqua, proprietà di combustione, ecc.
altre proprietà Formaldeide, valore PH, odore, coloranti azoici, ecc.

1 fibra tessileer .

Per i laboratori di prova tessile, contenuto di fibre e analisi della composizione è uno degli elementi più importanti nei test tessili ed è uno degli elementi principali dell'etichettatura degli indumenti. Le fibre influenzano direttamente le proprietà dei tessuti e svolgono un ruolo decisivo nelle loro proprietà fisiche e chimiche nonché nella loro usabilità.

Test standard:

  • AATCC 20: Analisi delle fibre – Qualitativa
  • AATCC 20A: Metodo di prova per l'analisi delle fibre – Quantitativa
  • ISO 137: Lana – Determinazione del diametro della fibra – Metodo al microscopio a proiezione

2 Test della struttura del tessuto

La struttura del tessuto può essere utilizzata per ottenere una varietà di aspetti modellati, nonché per produrre effetti come ispessimento, pelo e spugna. Analizzare la struttura del tessuto consente una migliore scelta del materiale di abbigliamento.

Test standard:

  • ISO 2060: Determinazione della densità lineare (massa per unità di lunghezza) con il metodo della matassa
  • ISO 3801: Determinazione della massa per unità di lunghezza e massa per unità di superficie
  • ISO 5084: Determinazione dello spessore di tessuti e prodotti tessili

3 Proprietà fisiche e meccaniche dei tessuti

La relazione tra lo stress e la deformazione causata da forze esterne in un tessuto è chiamata proprietà fisiche e meccaniche. Contiene proprietà come forza, allungamento, elasticità e resistenza all'abrasione.

Test standard:

  • ISO 12945: Determinazione della propensione del tessuto a formare pilling, sfocature o stuoie in superficie
  • Metodo pilling box, metodo Martindale modificato
  • ISO 12947: Determinazione della resistenza all'abrasione dei tessuti con il metodo Martindale
  • ASTM D5034, ASTM D5035: metodo di prova standard per la resistenza alla rottura e l'allungamento dei tessuti
  • ISO 9073-3: Metodi di prova per non tessuti – Determinazione della resistenza alla trazione e dell'allungamento

4 Test di solidità del colore dei tessuti

I tessuti colorati possono essere influenzati da vari ambienti esterni durante la produzione o l'uso, che possono portare al cambiamento di colore. Ci riferiamo alla capacità di un tessuto di resistere a questa azione esterna come alle proprietà di solidità del colore del tessuto, riferite principalmente alla macchiatura e allo scolorimento.

Le proprietà comuni di solidità del colore sono allo sfregamento, alla luce, ai lavaggi, al sudore, allo stiro, ecc.

Test standard:

  • ISO 105*12: test di solidità del colore – solidità del colore allo sfregamento
  • AATCC 8: Solidità del colore al Crocking – Metodo Crockmeter
  • ISO 105 B02: Solidità del colore alla luce artificiale: test con lampada ad arco di dissolvenza allo xeno
  • ISO 105 B04: Solidità del colore agli agenti atmosferici artificiali: test con lampada allo sbiadimento dell'arco allo xeno
  • ISO 105 C06: Solidità del colore al lavaggio domestico e commerciale
  • ISO 105 C10: Solidità del colore al lavaggio con sapone o sapone e soda
  • AATCC 61: Solidità del colore al lavaggio: Accelerato
  • ISO 105 E04: Prove di solidità del colore – Solidità del colore al sudore
  • AATCC 15: Solidità del colore al sudore

5 Stabilità dimensionale del tessuto Tessuti

I tessuti tessili sono soggetti a potenziali sollecitazioni o forze di restringimento durante la lavorazione, che possono portare a variazioni dimensionali del tessuto durante il lavaggio. I principali fattori che influenzano la stabilità dimensionale di un tessuto sono le forze esterne, la temperatura, l'acqua e la struttura delle fibre.

Test standard:

  • ISO 6330: Tessile - Procedure di lavaggio e asciugatura domestiche per test tessili
  • ISO 5077: Tessile – Determinazione del cambiamento dimensionale nel lavaggio e nell'asciugatura
  • AATCC 135: Cambiamenti dimensionali dei tessuti dopo il lavaggio domestico
  • ISO 3759: Tessile - Preparazione, marcatura e misurazione di campioni di tessuto e indumenti nelle prove per la determinazione del cambiamento dimensionale

6 Prove funzionali dei tessuti

La funzionalità tessile viene applicata in tre aree

Tessili per abbigliamento: concentrarsi principalmente sul comfort dei capi tessili, le funzioni principali sono morbide, fresche, drappeggianti, antirughe, rigide e così via.

Tessuti decorativi: utilizzato principalmente per biancheria da letto, tappeti e tende, ecc., che richiedono abbinamento e artistico, le funzioni principali sono ignifugo, blocco della luce, isolamento termico, impermeabile, calore, ecc.

Tessuti tecnici: utilizzato in vari settori come quello automobilistico, agricolo e medico, con prestazioni speciali, come indumenti protettivi, maschere, ecc.

Test standard:

  • ISO 9237: Tessile – Determinazione della permeabilità dei tessuti all'aria
  • AATCC 195: Proprietà di gestione dell'umidità liquida dei tessuti
  • ASTM E96: metodi di prova standard per la trasmissione del vapore acqueo dei materiali
  • ISO 811: Determinazione della resistenza alla penetrazione dell'acqua – Prova di pressione idrostatica
  • AATCC 127: Resistenza all'acqua: Prova di pressione idrostatica
  • ISO 11092: Effetti fisiologici - Misura della resistenza termica e del vapore acqueo in condizioni stazionarie (test su piastra riscaldante con protezione dal sudore)
  • ISO 4920: Tessuti tessili – Determinazione della resistenza all'inumidimento superficiale (test spray)
  • AATCC 22: Idrorepellenza: Spray Test
  • Serie di test di infiammabilità UL 94: UL94 è suddiviso in 12 classi di reazione al fuoco: HB, V-0, V-1, V-2, 5VA, 5VB, VTM-0, VTM-1, VTM-2, HBF, HF1, HF2. Di questi, VTM-0, VTM-1 e VTM-2 sono adatti per film plastici e HBF, HF1 e HF2 per materiali espansi.

 

Questo post ha commenti 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Torna in alto
Apri chat